Giovedì santo - Sant'Efisio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giovedì santo

Voti
_____________________________________________________________________________________

Nel XVIII secolo, secondo il Canonico Giovanni Spano, il Santo protettore di Cagliari, con semplice tunica e senza armatura, quindi più vicina alla statua di Sant’Efis sballiau, sarebbe apparso in sogno al Vicerè Filippo Pallavicino di Saint Remy, intorno al 1720, per avvertirlo di un tentativo di avvelenamento dei pozzi di Castello.

E' così che, l’Arciconfraternita di Sant’Efisio, per adempiere al voto istituito in ringraziamento allo sventato avvelenamento, portano la statuta di Sant’Efisio del Lonis, con pennacchio e polsini neri in segno di lutto, nella processione delle sette chiese del Giovedì Santo, entra a far visita ai sepolcri per poi far ritorno nella sua chiesa.

Una suggestiva processione notturna illuminata dalle fiaccole nel silenzio della preghiera.
_____________________________________________________________________________________ (foto di Mauro Corona)

Febbraio 2017
- webMaster Paolo Onida
Torna ai contenuti | Torna al menu